STUDIO DABBENI

Exhibitions

Lo Studio Dabbeni ospita per la seconda volta (la prima fu nel 1992) Daniel Buren.

L’artista francese, nato nel 1938, indaga da oltre 35 anni i rapporti fra l’opera d’arte, il luogo d’esposizione (spaziale e istituzionale) e lo spettatore.

Il titolo dell’esposizione ‘Colori ritagliati’annuncia il concetto della mostra. L’artista realizzerà dei lavori situati utilizzando materiali come il legno, il plexiglas trasparente colorato e il suo “strumento visivo”, invariato nel tempo: bande adesive, bianche e nere, di 8,7 cm.

Nella sala principale della galleria verrà realizzata una Cabane Eclatée, “Cabane eclatée aux couleurs découpés”, complessa struttura ambientale che riassume tutto l’operato di Buren.

Eseguita per la prima volta nel 1984 a Düsseldorf, la Cabane Eclatée, introduce un aspetto nuovo all’interno del pensiero dell’artista: la possibilità di concepire situazioni abitabili, percorsi visuali, labirinti cromatici. La Cabane Eclatée non è un oggetto, non è una scultura tradizionale ma la costruzione di un sito che intrattiene delle relazioni con lo spazio che lo contiene e lo spettatore che ne fruisce. Nel locale d’entrata, Buren presenterà tre lavori inediti: tre alti parallelepipedi in legno, dipinti di bianco all’esterno e nei colori primari, oltre che a strisce verticali bianco e nere, all’interno. Sormontati da un “coperchio” semiaperto e rivestito di specchio sul lato interno, i tre volumi rivelano il loro “contenuto” attraverso la superficie specchiante.