STUDIO DABBENI

Exhibitions

Sound è la nuova sezione che Artissima – l’Internazionale d’Arte Contemporanea di Torino – dedica alle indagini sonore contemporanee. In concomitanza con la 25ma edizione della fiera ma fuori dai suoi spazi istituzionali, la sezione presenterà 16 progetti monografici dedicati al suono nelle scenografiche aree espositive del Duomo e del Binario 2 delle OGR – Officine Grandi Riparazioni.

Sound nasce in risposta alla recente attenzione rivolta al suono da parte di artisti di diverse generazioni, per mettere in discussione le logiche dell’arte visiva. Il suono, nei suoi aspetti intimi e performativi, è usato per trasformare lo spazio e la sua percezione, per riattivare ricordi, per liberare l’immaginazione, ed è oggi protagonista di numerose ricerche in ambiti eterogenei proprio per la sua capacità di evocare e svelare una realtà intangibile, sempre mutevole.

I 16 progetti monografici in mostra sono stati selezionati da due curatori attenti alle pratiche transdisciplinari contemporanee: Yann Chateigné Tytelman, curatore e critico d’arte a Berlino e professore associato di storia e teoria dell’arte, HEAD, Ginevra e Nicola Ricciardi, direttore artistico, OGR – Officine Grandi Riparazioni, Torino.

Alla proposta migliore sarà assegnato l’OGR Award – la seconda edizione del premio istituito per Artissima dalla Fondazione per l’Arte Moderna e Contemporanea CRT – finalizzato all’acquisizione di un’opera selezionata tra i lavori della nuova sezione Sound da destinare alle OGR – Officine Grandi Riparazioni di Torino.

In sinergia con le ricerche trasversali dedicate alla musica, alla performance e all’arte delle OGR, Sound conferma la natura sperimentale di Artissima che nel 2018 celebra un importante traguardo: 25 anni di scoperte e riscoperte, di rivoluzione e passione, di bellezza e condivisione.

Artisti e Gallerie
DANIEL GUSTAV CRAMER, VERA CORTÊS Lisbon – CHRISTINA KUBISCH + ROBERTO PUGLIESE, MAZZOLI Berlin, Modena – UGO LA PIETRA, STUDIO DABBENI Lugano – CHARLEMAGNE PALESTINE LEVY.DELVAL Brussels – SUSAN PHILIPSZ, ELLEN DE BRUIJNE Amsterdam – LILI REYNAUD-DEWAR, EMANUEL LAYRVienna, Roma – JAMES RICHARDS, ISABELLA BORTOLOZZI Berlin – ANRI SALA, ALFONSO ARTIACO Napoli – TOMÁS SARACENO, PINKSUMMER Genova – MICHELE SPANGHERO, ALBERTA PANEParis, Venezia + MAZZOLI Berlin, Modena – CHARLES STANKIEVECH, UNIQUE MULTIPLES Madrid – VOID, MASSIMODELUCA Mestre-Venezia – TRIS VONNA-MICHELL, FRANCISCO FINO Lisbon – FRANZ ERHARD WALTHER, JOCELYN WOLFF Paris – MARZIO ZORIO, RAFFAELLA DE CHIRICO Torino

Lo Studio Dabbeni  presenta un’installazione sonora composta da quattro“AUDIO CASCO”, realizzati nel 1967 in occasione di una mostra alla Galleria Cadario e, successivamente collocati all’interno dell’Ambiente Audiovisivo (Audiovisual Environment) realizzato per la XIV Triennale di Milano del 1968.

L’opera fa parte della serie di microambienti denominati “Immersioni”, realizzati tra il 1967 e il 1970: elementi disequilibranti nei confronti del pubblico coinvolto nell’azione interattiva con essi. 

“Audio Casco”si compone di una struttura metallica, un casco in metacrilato inciso a freddo e gonfiato a caldo, un saliscendi e un altoparlante che trasmette, mediante registratore, una colonna sonora (la colonna sonora è una “fuga” per flauto, suonata dallo stesso La Pietra).

 

Ugo La Pietra “Audio-Casco”1967

Ferro, legno, metacrilato, registratore, microfono e saliscendi

H 250 x 73 x 74 cm

Courtesy Artist and Studio Dabbeni, Lugano

 

Sound
2–4 novembre 2018
Binario 2, Duomo | OGR - Officine Grandi Riparazioni

Maggiori informazioni: www.artissima.art